Anche le statue parlano.

Il Governo della destra nazionalista e xenofoba sotto la guida del primo ministro Viktor Orbán stanotte ha rimosso la statua di Imre Navy, patriota ungherese. Considerato un eroe nazionale ungherese, è stato il punto di riferimento di un movimento che portò alla rivoluzione del 1956 e principale martire, imprigionato e giustiziato dai sovietici con altri controrivoluzionari, dopo il fallimento della rivoluzione a Budapest. La mossa di Orbán, di togliere di mezzo la statua di Navy, per cancellarne il ricordo, è fascismo allo stato puro. Non si cancella la memoria abbattendo le statue, anzi se ne rinnova il ricordo. Orbán resterà una virgola, un caso sfortunato della storia, Nevy un esempio di coraggio per tutta l’Europa democratica.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...