Benvenuti!

Il campo di grano…

Il campo di grano nutre da sempre l’umanità. È un luogo innanzitutto che va coltivato, richiede un lavoro costante e paziente, richiede tutto l’amore del contadino. I frutti arrivano in giugno, il mese in cui sono nata.
Ci invita alla contemplazione l’ondeggiare delle spighe sotto il fruscio del vento, quasi una danza che emana bellezza e armonia. Qualche tocco di rosso dei papaveri, ospiti da sempre delle spighe, completa l’opera. Davvero: “Che ne sai tu di un campo di grano?”
Buona lettura,
Patrizia


Maria (di Alda Merini)

“Ella era di media statura e di straordinaria bellezza, le sue movenze erano quelle di una danzatrice al cospetto del sole.    La sua verginità era così materna che tutti i figli del mondo avrebbero voluto confluire nelle sue braccia.   Era aulente come una preghiera, provvida come una matrona, era silenzio, preghiera e voce. […]

In silenzio

In questi giorni siamo stati invitati da Papa Francesco al silenzio, un silenzio però attivo, d’amore e di preghiera dinnanzi a tanto dolore. Riporto questa meditazione di Madeleine Delbrel, una delle personalità spirituali più significative del secolo scorso. Buona Pasqua! SE DOVESSI SCEGLIERE Se dovessi scegliere una reliquia della tua PassionePrenderei proprio quel catino colmo d’acqua […]

Erode e Pilato: amici per sempre

“In quel giorno Erode e Pilato diventarono amici; prima infatti c’era stata inimicizia tra loro” : così una frase del vangelo, detto “Passio”, raccontato dall’evangelista Luca durante la messa della Domenica delle Palme. Interessante l’osservazione di chi scrive, quasi inusuale, come fosse buttata lì per caso. Ma sono questi particolari, queste precisazioni che rendono affascinante […]

Qualche immagine dei campi di grano…